Lov

Bologna, Reggio Emilia, clausura again


Questo sabato pomeriggio dalle 15 sarò a Bologna al Panini Store di via Zamboni 9
Dai che via Zamboni è piena di giovinezza e devasto, potete fare un salto prima di andare a rovinarvi!
Domenica pomeriggio invece sarò al Games Academy, indicativamente anche lì dalle 15/16.
Dai su, venite con poco anticipo!
Che non l’ho scritto qui, (cazzo come lo curo il sito), ma è uscita la prima raccolta di LOV!
è pure un formato stiloso, dai su, venitecivateci!

dawtourcondateridottaweb

Esco dalla mia stanza ed ho molta paura

E ne sto preparando altre..
SIATECI

Il Daw da bere

Uhm, è un titolo che offre doppisensi? Bah, lo lascio così, non si sa mai che si inizi a pensare a me come una bevanda energetica.

Passo da queste parti per pubblicizzare un evento, non per aggiornarvi su A come Ignoranza 6, che sta ancora in alto mare ahimè..
Sono stato coinvolto in un evento legato ad un aperitivo, e io di aperitivo non c’ho mai capito nulla.. come si fa, come ci si veste, cosa si deve raccontare sorridendo allegramente.. Infatti quando mi ci han portato ho solo raggiunto la saturazione totale di alcool e salatini buffi nel giro di pochi minuti.

Ma bando alle ciance (ma quant’èbbella quest’espressione), la locandina:

Sono coinvolto nella cosa da Gazzenda, quindi bene o male quel che farò ruoterà intorno alle vignette Lov, anche perchè son le più immediate da disegnare e da recepire, cosa da non sottovalutare, visto che probabilmente mi faranno assaggiare qualcosa e io non reggo manco i crodini.
Ah, disegnare in pubblico mi imbarazza perchè non ho mai ritenuto i miei disegni all’altezza delle vostre aspettative (maledetti), quindi potrebbero esserci divertenti fuori programma, come io che per non mostrare le mie lacrime mi butto dalla terrazza  dopo l’ennesima “a” senza acca o “qual è” con apostrofo.
Sono facile a ‘ste cose.
Saluti

Piegato volgarmente alle feste

E ora, invece, carosello

sick sick sick

In questi giorni, mesi, anni di assenza ho fatto una serie di cose per sopravvivere, arrabattandomi tra lavori umili poco retribuiti, e lavori vergognosi ma pagati con sostanziosi “vedrai che ti fai un nome a far sta cosa per me, la mia macelleria la conoscono tutti”, ma bene o male sopravvivo, anche se ho dovuto rinunciare a lussi quali “vivere” per farlo.
Quest’anno mi son detto, come ogni anno, che sarebbe cambiato tutto.
Mi rendo conto che la fine del completamento del periodo orbitale terrestre è comunque stabilito arbitrariamente come data e non significa un “inizio” dell’anno reale, ma non rovinatemi la poesia, su.

In pratica, ho tanti bei propositini che, al solito, per scaramanzia tengo per me, ma una cosa che sto cercando da fare da un po’ è “farmi promozione”, e scrivere più spesso qui ne è un primo passo.

Sono stato sgridato da gente con cui lavoro/collaboro per il non essermi fatto pubblicità,  i parenti dicono che è il loro ruolo fingere interesse e comprare le cose prodotte da me,  pure i passanti mi insultano senza un motivo particolare ma che posso facilmente ricondurre a questa mia NON volontà di promuovermi. Il fatto è che mi vergogno, anche se può sembrare strano da uno che quando viveva a Milano senza connessione andava all’internet point sotto casa per usufruire dei benefici di youporn.
Diciamo che farsi pubblicità in “positivo” mi è sempre stato difficile, sono cresciuto in mezzo a gente che faceva sfoggio delle sue abilità di continuo, i tipici sboroni che impennavano con la bici, impennavano con la moto, impennavano con l’auto, e col tempo la cosa mi è venuta talmente a noia che minimizzavo ogni mio piccolo successo, per il timore di diventare come queste persone che si vantavano di aver salvato il mondo nel dopopranzo per riuscire ad impressionare qualche ragazza in un locale e poi uscire con lei (a mo di skateboard, impennando).
Beh, che dire, ho sbagliato tutto.

Ci sarebbe molto da dire sull’argomento, mi rendo conto che da questo mio limite si possona capire molti dei miei problemi e cosa ha portato a bla bla bla no dai cazzo c’ho sonno, sono le due e mezza, avevo iniziato a scrivere solo per dire “toh gente, un po’ di immagini e notizie” , e via che mi son fatto prender la mano.
Qundi,  popolo di internet, ecco un po’ di immagini e di notizie:
Per chi avesse facebook e non ne fosse al corrente, una gioviale ragazza (grazie ancora) ha creato al posto mio la pagina di Daw, che è questa:
CLICCAMI TUTTO
Aggiornamenti che non dipendono solo da me, quindi, ma anche da utenti malvagi che arrivano a postare mie foto e così capita che di tanto in tanto PEM! FINE DELLA FRASE  CHE VI LASCIA SPIAZZATI! PEM! E CHI L’AVREBBE MAI DETTO?
Quindi, aggiungetevi con letizia.
A scanso di equivoci: aggiungersi a Daw è ok, mi fa piacere, aumenta il mio giustamente smisurato ego, ma mi spiace: non aggiungo persone che non conosco nella realtà al mio contatto persone, quello fatto di nome e cognome per intenderci.
Chiedo venia ma non ci capisco nulla con una rubrica piena di nomi (7) a me ignoti

Altra cosa:
Per promuovere A come Ignoranza, del cui seguito in teoria mi sto già occupando TANTO che ho fatto la tessera della biblioteca per stare in qualche posto silenzioso a “scrivere” (ahahahahahaha), a febbraio ci sarà una specie di TOURNEE.. chiamiamola così, che ho voglia di impennare con le parole.
In pratica, mi ritroverò in 4 fumetterie come bersaglio di fazzoletti usati MA ANCHE disposto a lasciare dediche cariche d’amore sulle copie che mi porgerete.
A scanso di equivoci mi è stato detto che le copie, una volta firmate, vanno acquistate e non rimesse negli appositi scaffali.
Che ci volete fare, cavilli..
Per ora le tappe confermate sono queste:

7 febbraio: Sarzana14  febbraio: Bergamo, Libreria Arcadia (beh insomma, è qui, ci arrivo in bici in 3 minuti MA COMUNQUE sudato)21 febbraio: Pisa7 marzo: Terni 

Beh, ancora non so il nome di tutte le librerie, ma almeno se siete in zona potete iniziare a scaldare le macchine e riempire i fazzoletti. Magari nei prossimi giorni metto anche qualcuna delle dediche, di cui mi han fatto ricevere gentilmente una foto: un gesto carino perchè, sinceramente, le improvviso quasi tutte e non mi ricordo che cazzo ho scritto ogno vo.
Per oggi mi limito a mettere le "pubblicità" di Lucca dell'anno scorso, perlomeno quelle due che non mi dispiacciono, e altre due vignette della serie LOV, che, quatta quatta, è arrivata ad un totale di 292 (duecentonovantadueosti) vignette..



E sì che non pensavo di arrivare a trovare ancora idee su una cosa così restrittiva.
Ne metterò altre nei prossimi giorni, insieme a molte altre cose fatte, ma ricordo che un ingente numero di esse è pubblicata sulla Gazzenda o su prodotti relativi alla stessa (PUBBLICITà!), il che vol dire, tralaltro, che io non ho più molti diritti su di loro, sono di proprietà di un colosso dell'editoria quindi, il prossimo genietto che le ruba, toglie la firma, cambia due virgole per prendersene il merito o decide di crearci dei Gadget, avrà a che fare con gente armata di tutto punto, non più con quella persona accondiscendente e affascinante che si sta definendosi in terza persona in questa frase.


__________


__________


__________


__________


__________


__________

ah, questa invece era di quest’anno, ma qualcuno se la deve esser fregata a fine fiera, mi è rimasta solo la foto:

Ah, dimenticavo:
La vignetta in cima alla pagina, fa parte della serie “SICK SICK SICK”.. si sono fatte le tre e mezza, quindi, ne parlerò e le metterò nei prossimi giorni, e SOLO SE VEDRò CHE IL FARSI PUBBLICITà STA AVENDO EFFETTO (sì, insomma, solo se vi vedo sotto casa mia a sventolare bigliettoni da svariate lire, l’ultimo genere di moneta che ho avuto tra le mani e della cui autenticità ancora mi fido)

caro diario…

Image hosted by Photobucket.com

il computer funzia, pare si fosse staccato un cavetto al suo interno.
Ringrazio ancora l’amico spezzino che mi ha salvato dalle mani di qualche malotecnico.
Ecco:
Grazie amico spezzino che mi hai salvato dalle mani di qualche malotecnico

Image hosted by Photobucket.com

Com’è che nessuno ha provato a risolvere il quiz di due post fa? Quello delle schifezze contenute nel mio cestino?
Devo stabilire un lauto premio?
Ok.
Offro una birra a chi c’azzecca.
Se siete milanesi o bergamaschi, è fattibile presto, altrimenti, quando passo nella vosta città.

Image hosted by Photobucket.com

Ieri sono uscito per Milano, guardando la gente alla pari “ehi, pur’io detengo appartamento qui!”, sorridevo e saltellavo felice, di pozza d’urina in pozza d’urina..
com’è che le strade qui sono allagate?

Image hosted by Photobucket.com

Ah, giusto perchè non crediate le sfighe sian finite: oggi ho pure pestato una escremento di natura ignota venendo a scuola.
Ma non so se è da considerarsi qualcosa di strano: non solo urina trovi sui marciapiedi in questa mAravigliosa città.
Comunque, ci son cose assai positive.
Guardate un po’ che ho scoperto esserci sotto casa mia?

Image hosted by Photobucket.com

Eh sì. Fingete invidia.
Le mie ore scolastiche giungono al termine, con loro l’accesso ad internet.
Mi sto disintossicando pian piano, ma le crisi d’astinenza mi colgono ogni tanto, senza preavviso alcuno.
Ieri ero ad una specie di festa all’aperto (tale “esterni”) e cercavo di aprire i commenti alla discussione fatta con un amico, ma non trovavo il pulsante..
Ho così taciuto l’intera serata.
La strada per guarire è lunga

Image hosted by Photobucket.com

una vita di avventure

DISK BOOT FAILURE

eh?

DISK BOOT FAILURE

questo sullo schermo nero del mio computer, ieri sera, appena acceso dopo il trasferimento nel nuovo (momentaneo) appartamento

cioè?
Che è successo?
Si è danneggiato durante il trasporto?

bel problema, senza telefono e coinquilini, ma soprattutto senza computer rischio di fare pazzie, che so, diventare boyscout..
No dai, poi devo lavorare.. e soprattutto, fare fumetti per voi (leccare il proprio pubblico. Sono come un cantante che dice “di sicuro questo è il miglior pubblico per cui ho mai suonato”)

Ora mi chiedo come farò. Urge qualcuno che mi helpi, ma i miei amici esperti che mi aiutano in ‘sti casi, sono lontani lontani ora.
Sono a Milano, in un vuoto appartamento ad ascoltare il ronzio del frigo (commovente vero?)

Scherzi a parte, spero di risolverla ‘sta cosa, altrimenti son qui per nulla. E poi, volevo tanto postare le foto dello strip bar sotto casa mia, ma come fare, Qua a scuola non si può, beh, in teoria non potrei nemmeno stare qui a scrivere il mio blog, ma forse le foto sono un po’ troppo..

Anzi, ora è pure finito il tempo a mia disposizione, non vedrò internet fino domani. Certo che è dura disintossicarsene.
Spero che per domani sarà tutto a posto, anche perchè sto finendo le immagini da postare, e se il computer a casa non dovesse ritornare attivo, inizierò a fare ombre cinesi sullo schermo per avere l’impressione di fare immagini

pregate per me.
So che lo farete, dopotutto, siete il miglior pubblico per il quale io abbia mai disegnato

Ho fatto cose, visto gente..

Non aggiorno da quasi un mese.
Però.
Ora fingete commozzione per il mio ritorno, dai, vorrei sentire frasi del genere:
“quanto ci sei mancato” “internet senza di te è inutile”, “ti prego fammi tua”.
è stato veramente un periodaccio, come già scritto nei commenti. Tra la
ricerca di una casa nel milanese, il tentativo di raffazzonare a
qualche modo pezzi di tesi, la scuola, la (ex) donna (sigh) e il mio
pendolarismo di 6 ore al giorno, temevo di impazzire.
Difatti, sono impazzito.

Sono impazzito, ma nessuno ha notato la differenza per cui nulla di che.
Anzi, pare la bava alla bocca mi faccia sembrare più attraente.
Nell’ultima settimana, sono riuscito a dormire circa 4 ore a notte, ma
per avere un’idea più chiara delle mie condizioni fisiche, forse è il
caso che diate un’occhiata nel mio cestino:

Ora indico un maraviglioso concorso:
che cosa ha consumato quest’uomo?
Riuscite ad individuare  tutte le schifezze qui accartocciate ed indicarne il nome?
Premettendo che la mia gatta (Culona) non fa parte delle cibarie, se
riuscirete ad indicare i nomi dei cancerogeni sneak, vincerete un..
un..
Boh. Facciamo che mi fate una richiesta e io vedo s’è fattibile, che ora come ora non ho idee e son pure di fretta, mannaggia.
Già, di fretta, perchè sono di fretta?
Ebbene, gente, devo smontare il computer or ora, che devo trasferirlo nel mio nuovo appartamento di Milano!

E sì, ho detto appartamento! Si scopre ora che ho dei parenti che
posseggono in parte Milano, e in questa parte c’è sto appartamento
libero. Tra l’altro in zona invidiabile.
Il problema è che rimarrà libero solo fino maggio, ahimè, solo 3 settimane.
Avrò almeno modo di cercare un altro alloggio nel frattempo, senza dover per questo rinunciare ad altri neuroni.

Ah, pare non avrò neppure una connessione internet.. ahimè.
Beh, forse questo favorirà la mia concentrazione nello studio o la mia
vita sociale (voglio provare uno di quei cosidetti “bar”).
O forse questo mi renderà ancora più pazzo furioso, quindi bavoso, quindi fascinoso. Dunque, ben venga.

Tanto al massimo, mi connetterò a scuola, e potrò quindi postare lo stesso.
Siete contenti? Siete felici?
Mi aspetto frasi di questo genere:
“evviva!” “internet torna ad essere utile!” “ti prego, fammi tua!”, ed a dir la verità, già le sento nella mia testa.
Ah, pazzia, esiste qualcosa migliore?

UPDATE:
pare che per il mio viaggetto dovrò aspettare, visto che il mio traghettatore fino a Milano s’è ammalalato, per il sostituto devo aspettare le 1.00 a.m.
Ancora qualche ora di internet.. (accarezza il modem con fare lascivo)